Anna PisanoAnna Pisano profile image
post image

Quando le debolezze umane danno origine a cupe ostilitàInsicurezza, vergogna e inquietudine sono sicuramente tra le componenti più fragili della psiche umana, proprie, in diversa misura, di ognuno di noi. Prima fra tutte, però, è certamente la paura, quella che veniva definita dal filosofo polacco Zygmunt Bauman come “il demone più sinistro del nostro tempo”. Una delle sue manifestazioni più diffuse è quella che spinge a non guardarsi dentro, perché non è raro rimanere delusi dal confronto con se stessi. ...

Ginevra BenziGinevra Benzi profile image
post image

Nei momenti di incertezza e di paura il raziocinio sembra non avere più spazio nelle menti delle personeNel corso della storia si è più volte sentito parlare di psicosi di massa, ovvero un panico estremo generale che spinge le persone a comportarsi in modi che solitamente verrebbero considerati incivili se non addirittura animaleschi. Normalmente ciò che spinge la massa verso questo tipo di paura, e quindi verso azioni psicotiche, è il rischio di dover cambiare e riadattare radicalmente il proprio ...

Giulia FacchiniGiulia Facchini profile image
post image

Il disturbo legato alla paura è frequente: 1 persona su 6 ne ha soffertoLa paura, insieme a tristezza, gioia, disgusto e rabbia, è una delle cinque emozioni primarie, le quali permettono agli esseri umani di sopravvivere. Essa fa parte dell’evoluzione e consente di comprendere i rischi circostanti e di conseguenza di reagire prontamente. Il nostro corpo di fonte ai pericoli produce l’adrenalina, la quale attiva la reazione “fight or flight”: combattere l’ostacolo oppure abbandonare la situazione. In ...

Amedeo GaspariniAmedeo Gasparini profile image
post image

Quanto conta oggi l’Italia per Washington in termini geopolitici? «Zero», ha risposto Michael Ledeen, storico e giornalista americano, intervistato da Alan Friedman per l’edizione italiana del libro Questa non è l’America. «L’Italia era un paese interessante, in passato, perché aveva il più grande partito comunista fuori dal blocco sovietico e poi c’erano […] progetti politici di apertura a sinistra […] Quando l’Unione Sovietica è collassata e il Partito Comunista è morto, l’Italia non era più ...