Antonio Paolillo Antonio Paolillo  profile image
post image

Anche se i motivi delle migrazioni dai paesi africani verso le spiagge europee sono ben noti, il racconto di un’esperienza diretta è sempre più esplicativo. Come mai ha lasciato l’Eritrea? Ho lasciato il mio paese all’età di 16 anni in cerca di libertà e per fuggire lontano dal rumore della guerra. Sono nato e cresciuto durante la guerra e non ho conosciuto altro che paura, militari, coprifuoco, sospetti e spie. Ero stufo di tutto questo, volevo avere ...

Antonio Paolillo Antonio Paolillo  profile image
post image

Sareste disposti ad accettare un lavoro ad orario continuato, sette giorni su sette, 365 giorni l’anno, altamente rischioso per la vostra vita, e, soprattutto, senza retribuzione? Unica garanzia – neanche poi così tanto certa – è che sarà utile per l’umanità. Una proposta che solo il caro vecchio ragionier Ugo Fantocci (cit.) sarebbe disposto e contento di accettare. Ma c’è qualcuno che questo lavoro lo fa davvero, e neanche consapevolmente: i topi da laboratorio, conosciuti meglio come “cavie”. Questi ...

Antonio Paolillo Antonio Paolillo  profile image
post image

Relativamente al tuo corso di studi, trovi che sia fondamentale la lezione frontale docente/studenti? Nonostante le nuove tecnologie multimediali, credi che la presenza del docente sia insostituibile? Non c’è dubbio che in una cultura del sapere sempre più reticolare è necessario rinnovare la metodologia di insegnamento. Il presupposto fondamentale, tuttavia, deve essere la lezione frontale. Affinchè questo momento di condivisione sia utile, devono verificarsi le giuste condizioni per l’insegnamento, ed una buona dote dell’insegnante nello svolgere ...

Antonio Paolillo Antonio Paolillo  profile image
post image

Secondo lei gli esami sono un diritto o un dovere degli studenti? Se non ci fossero bisognerebbe inventarli? Credo che gli esami rispondano essenzialmente a due esigenze: fornire un incentivo allo studente, dato che pochi si impegnerebbero se non vi fosse la carota del bel voto e il bastone della (possibile) bocciatura; tutelare l’immagine dell’istituzione universitaria, il cui prestigio è mantenuto alto dalla qualità dei suoi laureati. Potremmo vedere la valutazione come una selezione artificiale delle persone in ...

Alessandro BenedettiAlessandro Benedetti profile image
post image

Il cambiamento spesso rappresenta una necessità, a volte un pericolo, ma una sola cosa è certa: ci vuole molto coraggio. Ci vuole coraggio a 20 anni per decidere di dedicare il proprio tempo alla realizzazione di un giornale mensile, ci vuole coraggio per credere con passione in quello che si fa, ci vuole coraggio per rischiare, decidere, sperare, fallire. Ci vuole coraggio per decidere di riscrivere la storia di un giornale che da anni accompagna le vicende dell'Università, per ripensare ...